Stai cercando un’idea geniale? Cammina!
 
  • YogaeLavoro.com

Stai cercando un’idea geniale? Cammina!

Aggiornato il: 6 giorni fa

di Dora Rossetti





Secondo i ricercatori dell’Università di Stanford, mentre camminiamo l’ispirazione creativa aumenta del 60%. Lo hanno osservato in uno studio comparativo condotto sui livelli di creatività mentre si cammina e mentre si sta seduti.


Molto prima di loro lo avevano però intuito i filosofi greci. Ed io ne sono venuta a conoscenza in tenerissima età perché sono nata a Taranto e il parco dove i miei genitori mi portavano a giocare all’aria aperta e nel verde si chiama Villa Peripato. Quasi come un rituale, mentre varcavamo la soglia del cancello di entrata della Villa, mio padre, innamorato della cultura classica, del latino e del greco, sorridendo sornione mi ripeteva come se fosse la prima volta, perché repetita iuvant sosteneva lui quando gli facevo notare di avermelo già detto, “Peripato deriva dal greco perìpatos, che vuol dire luogo in cui si passeggia, e si riferisce alla scuola peripatetica di Aristotele, di cui fece parte anche il filosofo e matematico tarantino Archita. Sembra che le lezioni fossero tenute passeggiando.” Come potevo scordarlo? Immaginavo questi filosofi che camminavano con le toghe lunghe tra i sentieri e il verde della Villa discutendo tra un passo e l’altro e per un attimo mi sentivo anche io una piccola filosofa. Ma poi iniziavo a correre e a giocare e mi dimenticavo di Aristotele.


Ma torniamo allo studio scientifico, forse un po’ meno poetico ma davvero interessante condotto dai ricercatori di Stanford.


Marily Oppezzo, esperta in materia di comportamento e apprendimento e Daniel Schwartz professore alla Stanford Graduate School of Education nel loro studio pubblicato nel Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory and Cognition hanno scoperto che il pensiero creativo migliora durante l’atto del camminare e resta a livelli alti per un breve lasso di tempo dopo essersi fermati.


Oppezzo e Schwartz per dimostrarlo hanno condotto quattro esperimenti in cui hanno messo a confronto le reazioni di persone indotte a pensare fuori dagli schemi mentre erano sedute o mentre camminavano. I partecipanti hanno dato le risposte più creative in generale mentre camminavano, e in particolare se lo stavano facendo all’aperto.


“Non stiamo dicendo che camminare può farci diventare come Michelangelo,” ha detto Marily Oppezzo. “Ma può aiutare nelle fasi iniziali della creatività.”

Quindi se ci serve un’idea geniale, innovativa e fuori dagli schemi, camminiamo all’aria aperta. Se non è possibile camminare all’aperto, va bene anche farlo su un tapis roulant, addirittura di fronte a un muro bianco, l’importante è camminare perché è l’atto del camminare in sé a stimolare il pensiero creativo.


Attenzione però! Se invece dobbiamo risolvere una questione logica che richiede l’utilizzo di schemi e processi precisi già conosciuti, sarà meglio rimanere seduti e concentrati.

Suggerimenti di lettura:








Fonti bibliografiche:

https://news.stanford.edu/2014/04/24/walking-vs-sitting-042414/

https://www.giardinidellapuglia.it/i-giardini/taranto/

https://www.prevention.com/fitness/a20485587/benefits-from-walking-every-day/

https://www.wnyc.org/story/marily-oppezzo-how-can-taking-a-walk-spark-creative-ideas/

0 visualizzazioni

©2019 di Yoga e Lavoro. Creato con Wix.com