• YogaeLavoro.com

Un sorriso sincero? È a prova di mascherina!

di Dora Rossetti



Se dico sorriso, immagino subito una faccina con gli angoli della bocca verso l’alto. E magari in questo stesso momento, leggendo queste righe, anche tu hai visualizzato la stessa immagine e hai leggermente inarcato le labbra in su disegnando un sorriso, spontaneamente.


Ma con la mascherina che copre la bocca come faccio a essere sicura che il mio sorriso abbia raggiunto il mio destinatario?

Questo pensiero mi ha colta alla sprovvista l’altro giorno mentre facevo la spesa. Era il mio turno per ordinare al bancone della gastronomia e al sonoro: “prego, mi dica!” ho fatto un bel sorriso smagliante e ho detto quello che mi serviva. Ed è lì che un dubbio è comparso nella mia mente: “ma sarà arrivato il mio sorriso a destinazione visto che in realtà ho la bocca coperta dalla mascherina?”. Mah! Avrei voluto abbassarla e indicare le labbra con il dito, sottolineando: “ecco, sto sorridendo”. Ma non l’ho fatto!


Tornata a casa, ho voluto condividere il mio dubbio con mia figlia adolescente che non mi ha neppure fatto finire la frase: “ma come si fa a capire se una persona ti sta sorridendo se ha una mascherina?” che ha detto con tono di ovvietà, propria dell’età onnisciente: “dagli occhi!”.


Questa risposta di pancia mi ha illuminata. Certo, dagli occhi! Perché non ci sono arrivata subito da sola? So bene che quando si sorride in modo pieno sono gli occhi che ne confermano la sincerità. Le piccole rughe ai lati degli occhi non possono mentire. E così mi sono rasserenata. Il mio sorriso sarà evidente anche con la mascherina.


E c’è un’altra buona notizia. Dato che la mascherina impedisce di falsificare un sorriso, indossandola e volendo comunque sorridere si favorisce l’empatia e la compassione per gli altri.


Secondo i ricercatori quando si guarda qualcuno direttamente negli occhi, il corpo produce una sostanza chimica chiamata feniletilamina. Questa sostanza aiuta il cervello a prendere consapevolezza di avere di fronte un altro essere senziente. Ecco perché a volte uno sguardo sostenuto ci fa arrossire o ci fa perdere dolcemente in un mondo parallelo. Per quanto possa a volte sembrare romantico è solo una risposta fisiologica.


Il sorriso genuino, rispetto a quello di cortesia, ha un grandissimo valore umano, e anche economico come ha rivelato una ricerca condotta presso la facoltà di psicologia dell’Università di Bangor, ma questa è un’altra storia.


I sorrisi sinceri incoraggiano l’amicizia, l’amore, la collaborazione e la produttività al lavoro.

Aiutano a costruire relazioni sociali più forti che possono rivelarsi d’aiuto per tutta la vita.


Con o senza mascherina, un sorriso sincero resta un sorriso sincero. Questa è una buona notizia!


... a propostito... per non sprecare, io uso una mascherina lavabile tipo questa:












Mi son piacuti dei libri che parlano del sorriso, trovo che già leggendo i loro titoli sorridiamo:



Fonti:

https://www.theguardian.com/education/2011/may/10/economic-value-smile-research

https://www.theguardian.com/lifeandstyle/2020/may/30/face-mask-eye-contact-commuication-coronavirus

23 visualizzazioni

©2019 di Yoga e Lavoro. Creato con Wix.com